Emilio Longoni

(Barlassina (Milano) 1859 - Milano 1932)

Dopo aver frequentato la scuola serale all’Accademia di Brera, nel 1876 è ammesso ai corsi regolari, assieme a Gaetano Previati e Giovanni Segantini, con il quale divide lo studio. Esordisce a Brera nel 1880, e nel 1882, dopo un breve soggiorno a Napoli, viene presentato ad Alberto e Vittore Grubicy da Segantini, con il quale lavora in Brianza dal 1882 al 1884. Negli anni Ottanta esegue principalmente nature morte, per poi rivolgere la sua attenzione a soggetti sociali scottanti: nel 1891 alla prima Triennale di Brera presenta il controverso Oratore dello sciopero, la sua prima opera divisionista. In seguito utilizzerà la tecnica divisa non solo per opere di verismo sociale ma, dal 1900 in avanti, anche per le grandi tele di paesaggio e di atmosfera simbolista. Nell’ultimo periodo predilige le immagini deserte e silenziose dei ghiacciai alpini e del lago di Garda, che gli permettono di sperimentare effetti di luminosa trasparenza.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someone