Fondo fotografico

La Stanza della Memoria

Nasce nel maggio 2004 il progetto della Fondazione C.R. Tortona “La Stanza della Memoria – Fototeca per una città”.
L’iniziativa prevede la creazione ed il continuo ampliamento di un archivio fotografico per la conservazione e la consultazione dei materiali fotografici raccolti.
Luogo fisico e virtuale di collocazione di immagini fotografiche, “La Stanza della Memoria” è stata allestita presso la sede della Fondazione dove tutto il materiale viene inventariato, schedato e conservato in attrezzature idonee e funzionali allo scopo, come raccoglitori e contenitori “a norma ” per la custodia dei beni fotografici materiali, hardware e software per la gestione delle immagini digitalizzate, interfacciamento con la potenziale utenza esterna, strutture informatiche per la gestione e la consultazione.
Il progetto è nato dall’evidente necessità di salvaguardare, valorizzare e recuperare la memoria storica legata al territorio attraverso l’individuazione ed il recupero, per sottrarle alla perdita ed all’oblio, di migliaia d’immagini fotografiche.
In tal senso importante è stata l’attività di ricerca ed individuazione dei fondi, di verifica della disponibilità dei proprietari a collaborare con la Fototeca, determinando il valore culturale delle immagini.
“La Stanza della Memoria” è il frutto dell’esperienza maturata nel corso dell’attività di catalogazione e digitalizzazione del Fondo fotografico Pirotti-Bellagamba di proprietà della Fondazione.
Gino Pirotti per tanti anni fotografo di eccellenza dei Tortonesi aveva ereditato, attorno al 1940, lo Studio del fotografo Bellagamba e a questo aveva affiancato un altro studio nella vicina Sale.
Sfortunatamente le vicende belliche e post belliche che avevano reso prezioso ogni sale d’argento e che portarono al recupero del nitrato delle lastre usate causarono la distruzione di gran parte del materiale proveniente dall’archivio Bellagamba.
Una commissione consiliare appositamente istituita ha effettuato, avvalendosi del preventivo parere tecnico della Fondazione Italiana per la fotografia di Torino, una valutazione delle migliaia di negativi, lastre di vetro e pellicole, confermandone la grande importanza per la ricostruzione della vita sociale di Tortona negli anni tra il 1935 ed il 1975.
Tutti possono contribuire allo sviluppo della Fototeca “prestando” o donando le loro immagini per la riproduzione o la conservazione.
Nel primo caso la foto originale rimane al legittimo proprietario e sarà unicamente l’immagine duplicata che andrà ad incrementare il patrimonio visivo della Fototeca. Nel secondo caso, dopo l’eventuale restauro, verrà garantita la messa in sicurezza e custodia delle fotografie in idonee strutture, secondo le norme di riferimento relative ai protocolli ministeriali in tema di beni culturali.
La Fototeca creata con l’impegno di molti, è gratuitamente al servizio di tutti.